SI SPOSA ITALIA Milano – Giorno TRE

La terza giornata della Milano Bridal Week si è conclusa con la sfilata di Giada Curti e l’Exclusive Party di Antonio Riva. Un ritorno agli anni ‘70 grazie a Giada Curti con una donna-icona assolutamente indimenticabile:

Monica Vitti! Un collezione che rivive gli anni del grande cinema italiano, quindi una grandissima attenzione a quelle che sono le geometrie e tessuti particolari, una moda un po’ hippy, seta e chiffon.

No stereotipi e spose sempre luminose, paiette di aurore boleari, una sposa differente con un look completamente diverso quello presentato da Giada Curti al Sì Sposa Italia Collezioni 2019.

Movimento, dinamismo, modernità … questa è la visione perfetta per la collezione 2020 di Antonio Riva. Ai vestiti a sirena con strascichi strutturati si alternano modelli in pizzo originali e romantici. Le parole d’ordine degli abiti con gonna ampia sono volumi e proporzioni.

I corpetti arricchiti da inserti in pizzo hanno linee dritte e spigolose Le ruches e i volant modulati con maestria rendono uniche le gonne per un effetto etereo e fiabesco.
Per la prima volta al Si Sposa Italia Collezioni partecipa la grande stilista di fama internazionale Julia Kontogruni, che ha aperto questa terza giornata presentando la sua collezione 2020.

Ha portato in passerella un sogno ad occhi aperti attraverso ricami fatti a mano e creazioni scenografiche. La stilista bulgara dà voce all’anima femminile con le sue creazioni, nate per realizzare il sogno unico di ogni donna: essere meravigliosamente sposa nel giorno delle nozze. Una collezione 2020 di abiti da sposa spettacolare, un lavoro di ricerca sul concetto di esagerazione che mai diventa sinonimo di eccesso ma di equilibrio delle proporzioni, cura maniacale dei dettagli.

A seguire Amelia Casablanca che possiamo definire abiti da favola, ma una favola del terzo millennio. L’idea delle collezioni di abiti da Sposa diAmelia Casablanca è di esaudire il sogno della sposa, che da immagine fantastica diventa realtà. Posta proprio al centro della scena, essa può e deve pretendere di essere tutto quello che il destino fino a ieri non le aveva pienamente concesso. Per questa ragione gran parte degli abiti si ispirano ai costumi d’epoca o al fascino dei boschi incantati.

La sposa di Amelia Casablanca è esaltante, clamorosa, ammaliante come il Mediterraneo, consapevole e orgogliosa come la terra forte di Sicilia. Lo stile e la passione nasce dalla creazione di capi unici e inimitabili perfettamente studiati per essere esclusivi e originali per fare diventare anche lo sposo il protagonista. Una nuova Collezione ricca e entusiasmante quella di Petrelli che ha fatto incantare tutti.

Qualcosa di innovativo, infatti la collezione si chiama Infinity, già dal nome si intuisce che la passione è il sentimento che ispira questa linea di abiti, l’infinità dell’amore, del “per sempre” una collezione ispirata a sensazioni uniche, emozioni e sentimenti che non hanno fine nel tempo e nella storia, l’uomo che guarda oltre e arriva con lo sguardo all’infinito come la storia infinita della Maison Petrelli. La collezione si è impreziosita introducendo lo stile classico con smoking, tight e frac. Sartorialità, alta qualità dei tessuti e ricerca dei dettagli sono le caratteristiche delle collezioni sposo 2020.

A cura di: Tiziana Bucci Wedding Planner