SI SPOSA ITALIA Milano – Giornata conclusiva

Ieri, Ultimo giorno della kermesse, una fiera frizzante e piena di energia, che ha saputo conquistare i designer italiani ed esteri. Ancora una volta, Sì Sposaitalia Collezioni è stata un’occasione unica per incontrare il mercato, ma anche per dettare le regole dello stile e scoprire come evolvono i gusti dei più grandi nomi del settore.

L’evento ha rinnovato la propria immagine nella continuità con quella dell’anno scorso. Resta il
colore scelto nelle passate edizioni: il nero, elegante e sofisticato da cui prende forma
un momento, un soffio che diventa infinito, scolpito per sempre nel tempo. Una donna,
vestita di tulle che cattura con forza e dolcezza tutta l’attenzione.

Non ha luce riflessa, è lei che emana luminosità, riempie lo spazio e tutto il resto si ferma per ammirarla.
L’immagine di una sposa che esprime con forza e delicatezza il codice estetico di una
manifestazione come Sì Sposaitalia Collezioni. Un alto livello stilistico che resta punto
fermo del salone. Con questa nuova campagna che esprime purezza e grande prestigio,
si vuole rimarcare l’eccellenza di una manifestazione che mette al centro i valori della
qualità e della creatività dei suoi designer, vetrina ideale per gli operatori del settore
per cogliere le nuove tendenze e fare business.
Il White Carpet
Dopo il grande successo delle scorse edizioni, Sì White Carpet by Sposaitalia
Collezioni è tornata ricca di novità e allo stesso tempo riconferma i grandi nomi che
hanno contribuito al successo iniziale riconfermando la supervisione artistica
dell’autorevole giudizio della fashion critic Giusi Ferré. L’evento ha portato in
passerella le grandi aziende del segmento wedding, che anche per questa edizione
hanno collaborato in sinergia con i nomi più contemporanei del prêt-à-porter da Efisio
Marras – Bellantuono Bridal Group, Stefano De Lellis – Musani Couture, Elisabetta
Poligano -Italdenim, Grillo – Precoma a Musani – Pollastri.

Tra i giovani designer che hanno sfilato in passerella spicca il nome di Robert Cavalli che ha presentato una selezione dei best of della sua label TRIPLE RRR . L’eccellenza manifatturiera di lungo corso ha incontrato la creatività della nuova generazione di designer dando vita a
collezioni inedite, spaziando dalla dimensione bridal a quella della cerimonia per il
giorno delle nozze. Gli abiti proposti sono unici sia nella forma, nei tagli che nei colori,
fortemente distinti dalla collezione già presentata nel contesto fiera da ciascuna
maison.
#SìYOUTHERE
AL VIA IL PROGETTO SOCIAL CHE COINVOLGE I PROFESSIONISTI BRIDAL


Sì Sposaitalia Collezioni ha lanciato un’altra novità per questa edizione 2019: è partito
il progetto multimediale #SìYOUTHERE, la vetrina che presenta le opinioni e
l’esperienza dei professionisti che lavorano nell’universo bridal e che ci ha
accompagnato dall’inizio della manifestazione nel dietro le quinte di un matrimonio.
I canali digital di Sì Sposaitalia Collezioni sono stati la piattaforma di scambio dove
conoscere i punti di vista dei professionisti e fornirci consigli sulle tendenze moda
2020.

Il matrimonio dei sensi


Ospite d’onore di Sì Sposaitalia Collezioni 2019 è il Matrimonio dei Sensi, un mini
salone organizzato da Gabriella Giamminola in cui si sono presentate alcune delle
eccellenze in fatto di artigianalità come la collezione della bridal designer Elisabetta
Delogu, una suggestiva riflessione ed esposizione sul mondo del wedding. Dopo il
positivo debutto del 2018, torna in fiera per stupire i buyer e offrire loro stimoli
sempre nuovi e curiosità. Sì Sposaitalia Collezioni, infatti, vuole essere un contenitore
vivo e al passo coi tempi in grado di sviluppare il proprio concept per soddisfare le
diverse esigenze degli operatori.

Il Matrimonio dei Sensi si è presentata come un scatola piena di idee dove scoprire capsule collection, accessori, oggetti e divagazioni
vanitose sul tema“non solo bianco”. Pezzi particolari che hanno la precisa volontà di
non parlare solo e strettamente di cerimonia, ma di stile secondo un’accezione più
ampia. Un’occasione unica in cui future spose hanno potuto incontrare l’eclettica
stilista, che ha saputo infondere nei suoi modelli la cultura mediterranea e il senso
dell’armonia con la natura.
Fuori Salone
Sono stati quattro giorni all’insegna della moda e del design e come ogni anno, accanto
agli eventi e sfilate istituzionali il fuori salone è un evento imperdibile destinato non
solo agli addetti al settore. Delle vere e proprie boutique di moda che hanno ospitato
nei loro spazi nuove opere da scoprire, showroom trasformati in vere e proprie
gallerie d’arte firmate dagli stilisti più cool.
Il primo appuntamento fuori salone vede come protagonista Antonio Riva con una
collezione glam e super cool, “Divina” , il giusto connubio tra la favola e il moderno,
modelli iconici che appunto caratterizzano lo stilista. Accanto alle architetture leggere
che hanno resoAntonio Riva unico, nel 2020 compaiono tessuti e lavorazioni nuove
che vestono una sposa grintosa, dalla forte personalità ma con un lato romantico che
lascia spazio alle emozioni. Storia di un Sogno… d’Amore quella di Carlo Pignatelli,
una collezione che nasce da una ricerca approfondita dei materiali, selezione ricca di
tessuti.

Il risultato? Una straordinaria storia che dura da 50 anni: tradizione sartoriale
unita alle materie prime. La collezione è rivolta a donne forti, dalla personalità decisa
che sa ciò che vuole ma che dentro di se nasconde un cuore romantico. La collezione
sposa 2020 diPeter Lagnerè un elogio al made in Italy, pizzi con filato particolare,
abiti romantici con un tocco di modernità. La tendenza è l’eccesso di ricami, di paiette,
di grandezze unici e tutti diversi. A sostenere la sua collezione un amore totale per la
costruzione dell’abito, per la sacralità della confezione e per l’estrò nell’innovazione.
Dalla sartoria di famiglia alle passerelle internazionali, il giro del mondo di un
eccellenza internazionale.

Alessandra Rinaudo bridal designer di Nicole Spose, una
collezione, la sua, che sviluppa diversi temi dalla seta pura in stile metropolitano, al
pizzo d’ispirazione vintage, al materiale prettamente moderno, il glitter, che dona luce
ai suoi abiti. Ogni elemento esprime un desiderio di riscoperta e rappresentazione
della bellezza in ogni sua forma e sfaccettatura. Classicità in chiave moderna, la
leggerezza dei volumi e dei tagli, la consistenza magica delle sete italiane più esclusive.
Una collezione completa e unica, all’insegna dell’inconfondibile eleganza della stilista
italiana.

Il focus di Sì Sposaitalia Collezioni è stato quello di promuovere l’estrò e la sartorialità
del wedding world, con più di 200 collezioni, sfilate ed eventi speciali, dentro e fuori la
fiera. Dall’edizione 2019 del Si Sposa Italia Collezioni una verità è emersa: la sposa oggi
è una fata, una regina, una divinità. Il suo ingresso è un’autentica apparizione, che crea sussulto, stupore, sicura ammirazione e probabilmente … anche un pizzico d’invidia!

A cura di: Tiziana Bucci Wedding Planner